martedì 22 giugno 2010

Le pagelle del primo semestre (Finale)

Le ultime pagelle sono per i capo classe, ma che dico.. per i rappresentanti d'istituto! :) quelli cioè che se fossero stati vecchi vinili (ma in realtà di due ho comprato anche il vinile d'importazione, ma non ho dove farlo girare!) sarebbero già gracchianti e consumati dalla puntina, dunque quelli che valuterei.. fra l'ottimo e l'imprescindibbbile!! :)
Ma prima il riassunto omnicomprensivo in musica (praticamente tutti i 20 brani che ho linkato dal tubo) e va da se che chi avesse scaricato le precedenti compilations mensili li ha già tutti, anche se non ricompresi e miscelati in un unico potenziale CD :D).

download
rar pass: almost blue

#3. Sam Amidon. I See The Sign


(Prendete un folk singer di quelli rigorosi ed ortodossi, poi mettetelo nelle mani di un compositore ed arrangiatore folle, sebbene non olandese -vero faseREM? ;)- e il risultato è qualcosa di sublime. Le orchestrazioni al limite del bislacco di Muhly infatti non appesantiscono ne rendono melensa e ridondante la scrittura di Amidon proprio perchè di suo è praticamente priva di linee melodiche. Un piccolo gioiello che presto sarà annoverato fra i classici!)


#2. Inlets. Inter Ambiter


(Opera prima ma già pienamente compiuta per questo giovane cantautore di Brooklyn di cui sono certo sentiremo parlare molto in futuro. Sicuramente la più grossa sorpresa musicale del primo semestre! La cosa che ti colpisce ascoltando questo disco e che nonostante è facile riconoscerci un mare di citazioni ed ispirazioni -dai Grizzly Bear a Rufus Wainwright, dai Radiohead ai Dirty Projectors, ma potrei continuare- alla fine ci si rende conto di come sia comunque un ascolto originale ed unico! Davvero eccelso! :D)


e last but not least, ma non credo qualcuno nutrisse dubbi in merito circa quale disco si trattasse..

#1. John Grant. Queen Of Denmark


(La Bella Union quest'anno non ha sbagliato un colpo, su questo siamo tutti d'accordo. Ma chi poteva aspettarsi un diamante splendente come questo? Io personalmente ero già rassegnato a non ascoltare più la sua fantastica voce, perchè dopo lo scioglimento dei The Czars sapevo che Grant era in una fase di depressione tendente all'autodistruzione, dunque 1000 grazie ai Midlake per avergli salvato la vita e a John Grant per queste meravigliose canzoni. Credo che il disco contenga almeno 6 o 7 potenziali singoli che in un mondo perfetto sarebbero in rotazione su tutte le radio, ma non essendo così temo che debba semplicemente accontentarsi di essere al #1 su almostblueinreverse! :D)


P.S.: Sempre nei commenti i links di questi 3 ultimi dischi..

9 commenti:

birdantony ha detto...

http://hotfile.com/dl/39625384/82f9f68/Sam_Amidon_-_I_See_The_Sign__2010_.rar.html

http://www.megaupload.com/?d=JNTUTD1B

http://rapidshare.com/files/374700899/John_Grant-Queen_Of_Denmark-2010-SiRE.rar

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

questo inlets non credo di averlo ancora sentito, rimedierò

quanto a john grant, convince sempre di più anche me. ha fatto davvero un disco di canzoni pazzesche

CheRotto ha detto...

su grant e amidon avevo scommesso con me stesso che li avresti posizionati almeno nei primi 3 posti però ero anche sicuro che al primo ci fosse grant...grazie per compilation

Omote ha detto...

Non sapevo ci fosse anche il videoclip, che però è proprio un po' bruttino, vero?:)
mentre quello degli Inlets è particolarmente ipnotizzante.

birdantony ha detto...

decisamente! :) 'marz' è la mia canzone preferita, ma 'bright orange air' ha il video più bello dell'anno (finora!)
@cannibal: degli una chance a inlets, merita davvero!!!
@che rotto: sono prevedibile vero? noioso, ripetitivo e prevedibile come disse la mia ex prima di lasciarmi! hahahaha.. che poi come scusa non suona nemmeno bene, cioè c'erano cose ben più sostanziose da rinfacciarmi, ma stendiamo un pietoso velo, che è meglio! :P

CheRotto ha detto...

ehehehe prevedibile sì, noioso no ;-)

Joyello ha detto...

John Grant, per ora, sta anche nella mia top 5.
Domani su fard.

FaseREM ha detto...

Wowwww sono stato citato!!!! Ebbene si, farò della non-olandesità di Nico Muhly una mia battaglia personale.

Prima o poi mi piacerebbe fare una classifica basata unicamente sulle copertine. La mia preferita del 2010 credo sia "Behind the Bend" di Lisa o Piu. Mi piacciono anche "Rough Travel For A Rare Thing", il live di Bill Callahan (beh mi piace tutto di Bill Callahan), "The Creatures In The Garden Of Lady Walton" dei Clogs e "Dear God, I Hate Myself" degli Xiu Xiu.

birdantony ha detto...

@joyello: perchè non l'avevi ancora recensito??? mi sembrava di si, ma sicuramente sbaglio!

@faserem: :) anche a me, come noto, piace tutto bill callahan dalla testa ai piedi :D..
questa la foto che ho messo ieri sul facebook..
http://www.facebook.com/#!/photo.php?pid=1412813&id=1019273573

.. ma trattandosi di un live non l'ho messo nella lista (insieme alle compilation e agli album tributo!)