lunedì 18 gennaio 2010

Non il solito Tributo

Jeffrey Lee Pierce, cantautore e frontman della punk-band The Gun Club, morto assai prematuramente nel 1996, viene oggi ricordato con questo album tributo, da uno stuolo di amici e colleghi di rilievo. Talmente di rilievo che non può essere considerato il solito Tributo: grandi pezzi e grandissime esecuzioni! Voto: 8

1. Nick Cave - Ramblin' Mind
2. Mark Lanegan - Constant Waiting
3. The Raveonettes - Free To Walk
4. Debbie Harry - Lucky Jim
5. Lydia Lunch - My Cadillac
6. David Eugene Edwards - Ramblin' Mind
7. The Sadies - Constant Waiting
8. Mark Lanegan & Isobel Campbell - Free To Walk
9. Lydia Lunch - St. Marks Place
10. Crippled Black Phoenix - Bells On The River
11. Cypress Grove - Ramblin' Mind
12. Johnny Dowd - Constant Waiting
13. Nick Cave & Debbie Harry - Free To Walk
14. Mick Harvey - The Snow Country
15. David Eugene Edwards & Crippled Black Phoenix - Just Like A Mexican Love
16. Lydia Lunch, Dave Alvin, And The JLP Sessions Project - Walkin' Down The Street (Doin' My Thing)


7 commenti:

Anonimo ha detto...

grandi nomi per un eroe di culto.
amedeo

SigurRos82 ha detto...

Te vogggghio bbbbbbeneeeeeeee!!!!

Ero giusto alla ricerca :))))))

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

avevo letto di questo tributo su rumore o il mucchio.. i dont remember
comunque sono incuriosito parecchio, soprattutto dai raveonettes ma un po' anche da tutti gli altri
(cliccherò su download, mi sa)

SigurRos82 ha detto...

Il Lanegano, altro cheeee ;)

Adoro i Gun Club e JLP, musica incredibile e voce altrettanto. Fire of love, Miami, The Las Vegas Story, Death Party...che robbba.

La peculiarità di questo tributo è che sono interpretazioni di brani inediti di Jeffrey, ecco spiegato il perchè della ripetizioni di certi pezzi ;)

SigurRos82 ha detto...

...a parte "Lucky Jim", ecco...;)

birdantony ha detto...

si, infatti dovrebbero essere cose che JLP aveva solo abbozzato! mi piace molto la cosa delle ripetizioni perchè mettono in evidenza le diverse sensibilità dei vari interpreti!

SigurRos82 ha detto...

Il livello compositivo, ad un primo ascolto, mi pare molto buono (anche se Constant Waiting, eccellente soprattutto nella versione laneganiana, somiglia forse un pochino alla sublime Mother of Earth ;) ).

Le interpretazioni sono tutte di gran classe, e ci mancherebbe. Nick Cave, Lanegan, David Eugene Edwards...ma anche i Crippled Black Phoenix con Bells On The River mi hanno davvero stupito.

Comunque è quel folk-blues che mi prende direttamente allo stomaco...da pelle d'oca.